Qrcode, PR, parliamone a #vuu #terroirvino


Come sempre per caso mi accordo di quanto una cosa che nell’immaginario spesso viene data per scontata sia importante e trascurata. Grazie all’uso di twitter e delle chiacchierate che si fanno con molti amici del settore vino infatti emerge qui la volontà da parte di Filippo aka @filipporonco di sapere in poche battute i motivi per partecipare a Terroirvino.

Successivamente la discussione in twitter porta a parlare di #vuu la open unconference collegata, e nelle varie considerazioni emerse, grazie alla segnalazione dello stesso da parte del produttore Luca di @bele_casel un certo interesse verso il #qrcode e la voglia, da parte mia di saperne di più.

Quale occasione migliore dico io per parlarne se non quella offerta dalla open unconference di Domenica 12 giugno (3 giorni dopo il mio compleanno!), così suggerisco di avere degli addetti PR che spieghino a noi come utilizzarlo.

Improvvisamente dalle reazioni scopro che l’argomento non è tanto da pubbliche relazioni, ma ha un substrato strategico, melo fa notare Monica di @wineup , perché quello che conta non è il #qrcode stesso ma il pensiero che lo guida. Sembra banale, logico ed ovvio, ma negli ultimi tempi tutti parlano del contenitore, pochi (fino a dire nessuno) parla del contenuto e ancora meno del ragionamento precedente.

Credo che anche stavolta si debba sfruttare la possibilità data anche dalla unconference #vuu di colmare questi vuoti.

Faccio quindi un grande appello a chi si occupa di PR (o RP se preferite, per esteso pubbliche relazioni) di spiegare il perché e il come del vostro mestiere e non solo che ci siete. Perché nessuna azienda potrà mail fare il vostro mestiere bene come voi. Io un’idea del perché ce l’ho, ma provocatoriamente vorrei sentire la vostra versione, dato che negli ultimi tempi “se non parla il produttore direttamente non va bene”. Aggiungiamo dei pezzi a questa frase? Dai!

Chiedo inoltre a Monica di @wineup di raccontare cosa sta dietro un qrcode, magari sfruttando il fatto che per allora si sarà già concretizzata l’esperienza di #barbera2 e potrà chiamare con se a parlare qualcuno dei partecipanti, ad esempio @cascinagilli o @gianlucamorino e magari [ora sbrago] si potrebbe pensare ad un collegamento con gli USA per un intervento da là [w la tecnologia e la fantasia insieme]. Magari un bel tabellone raccogli hastag per fare le domande?

Questo è il mio piccolo contributo al lavoro di un amico.

Ciao,
Tom

Dolcetto Rivoluzione

In questo periodo mi è capitato di girovagare più del solito sul web, ho incontrato dei bei filmati che parlano del territorio e del modo in cui questo si rapporta con l’esterno.

Non lo diciamo solo noi che il Dolcetto è un vitigno difficile, succede anche a Dogliani, sentite quello che dicono questi produttori.

Mi piace in particolare quando rispondono alla domanda “qual è il vero Dolcetto”. E ancora di più quando parlano di “Dogliani come “un nome di elezione per il Dolcetto” e non “il nome di elezione”, già perché anche da queste parti, ad Ovada, vogliamo dire la nostra, anche noi lo facciamo come primo vino.

Noi siamo giovani, ci piace sperimentare e tirare fuori il meglio, talvolta rischiare, vediamo il Dolcetto come un grande vitigno, in grado di fare un “bel vino” e a vedere questo video mi è venuto da dire per fortuna non siamo soli!

Per questo abbiamo scelto nuovo con nuovo e tradizione alla tradizione, abbiamo deciso di fare vini moderni non in purezza affinati esclusivamente in acciaio, non per questo meno degni di nota, mentre i vini di tradizione sono rigorosamente in purezza, affinati in botti di legno, non come segno distintivo ma come rispetto per una scuola di vino.

Per entrambi i vini si lavora in vigna pensando alla bottiglia, non è semplicemente un bivio che si pone innanzi in cantina.

Voi che ne dite?

Secondo me da qui in avanti il Dolcetto farà un bel salto qualitativo: siete pronti ad assaggiare?

Ciao,

Tomaso

Forza Dolcetto, Ovada è ora!

Ogni giorno che passa osservo. Osservo la natura, osservo le altre persone, percepisco che il tempo passa e cerco di capire come fare per far migliorare la mia realtà interagendo meglio con gli altri.

E’ difficile darsi una risposta precisa, ma se non ci lavori è impossibile arrivare da qualunque parte.

Faccio questa premessa perché anche se la mia famiglia opera, in piccolo, in questo mondo da tre generazioni, a me è toccata la fortuna di vivere e gestire l’azienda di vino durante un cambiamento che definire epocale è poco. Devo per forza farmi delle domande, non c’è (più) una strada da seguire, dobbiamo rifarcela senza punti di riferimento.

Ho imparato diverse cose nel confronto (molto faticoso, perché spesso le tue idee vengono smontate e i tuoi sogni sfumano), una delle più importanti è che un azienda che produce vino è figlia del contesto in cui lo produce, il famoso Territorio.

Sembra banale. Non lo è.

Nell’Ovadese sono decenni che si vive un abbandono lento ed inesorabile del territorio, con un numero di nuovi imprenditori inferiore all’abbandono (o meglio al tentativo di, perché voler vendere è diverso da vendere) del territorio da parte degli esistenti: questo ha portato alla svalutazione dei terreni da un lato e dall’altro al forte sviluppo dell’urbanizzazione nei paesi.

Io francamente non riesco a spiegarmi questo fenomeno, vedo dei giovani determinati, certo non è una rete fitta, ma qua e là ci sono aziende interessanti con vini buoni e ottimi che faticano.

E non si riesce a fare gruppo, è faticoso vedersi e c’è diffidenza.

Io sono anni che predico a favore dell’unione e credo che il dolcetto della zona di Ovada in entrambe le versioni, DOC e DOCG se ben vinificato possa davvero regalare emozioni capaci di smetterla di essere considerati produttori di serie B rispetto a Dogliani, Alba e compagnia cantando.

Lo dico a fronte di assaggi comparati, intendiamoci, fatti con panel attendibili che escludono il mio vino, parlo della zona.

Ma non riusciamo (ancora, lasciatemi sperare) ad emergere.

Quindi cari produttori, non arrabbiatevi con la politica perché non ha fatto e ci sono le cantine da svuotare, da qui a 5/6 anni almeno sarà una salita ripida, bisognerà investire soldi, tempo ed energie, fare comunicazione mirata e far emergere il meglio di noi. Per carità, anche avere culo!

Mentre dico apertamente, non snobbate il dolcetto, non consideratelo un vino da prezzo, lo è diventato per logiche commerciali, ma sa regalare vini affatto scontati, piacevoli anche se di struttura e con gradazioni importanti, comunque godibili a pasto e in compagnia. Quando costa troppo poco vuol dire che (i) ci sono problemi commerciali oppure (ii) è una chiavica (cit.).

Il dolcetto non permette rese ettaro alte, e i costi ettaro sono più o meno simili per tutti. In più, considerate che ad Ovada non abbiamo denominazioni del calibro di barolo e barbaresco, quindi i cru migliori per il rosso sono tutti destinati al dolcetto.

Alla prossima!
Tomaso

Buoni propositi

Vigne vecchie di Dolcetto in restauro

Negli ultimi tempi sto faticando davvero parecchio, non è colpa di niente se non mia. La fatica più grande che faccio non la devo alla crisi, economicamente non mi posso lamentare, anche il vino ci da le sue soddisfazioni, complice l’annata 2009 che è stata davvero interessante.

Il vero problema nasce da un’altra considerazione, il territorio, ovvero il perché il territorio di cui siamo parte debba aver avuto un destino così crudo. Sto assistendo all’estirpazione di vigneti più o meno motivata da ragioni commerciali, le uve vengono pagate poco da tutti, incluse le famose cantine sociali che avrebbero dovuto creare un sistema per sostenere la viticoltura annullando la frammentazione.

Dalle nostre parti, non si fanno nomi, si faticano ad individuare delle aziende di riferimento, intendendosi come tali non solo coloro che fanno vini buoni in senso lato, ma anche chi poi quei vini li vende e sta in piedi. Non credo sia possibile semplicemente lamentarsi con la politica, sarebbe come sparare in aria.  In fin dei conti il nostro territorio, la nostra politica siamo noi. Siamo noi che con le scelte di tutti i giorni, coinvolti o spettatori, disegniamo il futuro della nostra casa, o quantomeno del luogo in cui essa si trova.

Si crea una questione di prospettiva, la costruzione di case nuove, tanto osteggiata dalle amministrazioni locali, (che hanno sicuramente le loro ragioni, ma non le mie), porta persone che vengono ad abitare fuori dalla città ma non vivono la campagna. Al max una villetta col giardino, ma l’agricoltura è di più: è sistemazione dei fossi, sfruttamento controllato dei boschi per evitare che si trasformino in giungle disabitate da animali, controllo delle frane e via dicendo.

Se sei un contadino, io non lo sono a tempo pieno (non posso permettermelo) ti accorgi dell’aumento della popolazione perché all’asilo forse non c’è posto per tuo figlio.

Non sono sicuro che tutto questo abbia un senso, ma sono ancora più smarrito quando penso che non saprei dove cominciare, probabilmente è anche colpa mia. Mi sono concentrato sul fare il vino buono e ridare fiato alla vallata dove abito. La promessa per il futuro è di legare quello che faccio per me al contesto, lentamente ma con vigore, per fare in modo di non dover dire ancora “non capisco”.

Tutto questo è una promessa e anche un augurio.

Buone feste, 

Tomaso

Parliamo di vigne e passioni, lasciamo più indietro i numeri

Negli ultimi tempi mi sta capitando di girare parecchio per presentare la nostra nuova avventura, Forti del Vento . Proprio qualche sera fa abbiamo chiacchierato piacevolmente di fronte ad una tavolata di persone che capita raramente di trovare, sia per umanità sia per competenza del mercato. Uomini di vendite, persone che hanno mosso e muovono fatturati importanti, gente che indubbiamente ne sa non perché ha letto ma perché ha fatto e fa ancora tanto nel mondo del vino. Ancora una volta da produttore ho notato che esiste una dicotomia tra il trasmettere il pathos e l’umanità con i quali siamo arrivati a creare questo progetto e i discorsi commerciali. Questi ultimi infatti tendono a farti parlare di numeri e di servizi, tutti molto importanti, beninteso, come la consegna al piano o la telefonata prima della consegna su tutte le spedizioni o l’avere imballaggi studiati per l’uso del corriere. Certo Forti del Vento ha tutte quelle caratteristiche, ma non è quello che la caratterizza, è anche quello, ma soprattutto lo sono persone, le passioni i sogni e le razionalità stanno in continuo confronto da un lato con l’umanità, con cui bene o male prima o poi dovrai incontrarti per vendere il tuo prodotto e dall’altro con la natura che giornalmente ti propone degli scenari e tu devi sapere come interpretarli, ovvero fare del tuo meglio per portare i tuoi vigneti sino alla vendemmia in una condizione soddisfacente. Ma questi discorsi, chissà perché passano sempre in secondo piano. Ed è davvero un peccato, probabilmente la colpa è mia, perché voglio davvero evitare di passare per l’ennesimo produttore convinto che il vino che fa sia il migliore del mondo (stile io ho le vigne superbe). E allora ne parlo dopo, quasi come temessi valesse meno. Ma è uno sbaglio, si potrebbe parlare di giorni interi di cosa abbiamo fatto per selezionare un cru o di come mai abbiamo deciso di coltivare a ciglioni. Forse dovremo ricominciare a parlare di quello, lasciando meno spazio ai numeri, tanto sentendo quello che si sente sul mercato italiano oggi (crediti scaduti a 180 giorni di media e vini da 4 euro venduti 1+1 cioè una cassa omaggio se ne acquisti una) i discorsi di mercato non sono poi così interessanti. Umanamente parlando si intende 🙂

Perchè comprate il vino?

Sembra una domanda stupida, molti diranno per berlo…ma nonè quella la risposta che vado cercando, anzi.

Strano, perchè parlando giorno per giorno del mestiere che più mi piace (che non è riduttivamente il vignaiolo, ma anche il cantiniere e il venditore di vino, quest’ultimo perchè può trasmettere ciò che è dietro alle sue bottiglie) dovrebbe essere quella la risposta che si va cercando (impossibile non dirlo a chi come me il vino non lo fa solo per berselo ma per venderlo…)

Bene, ma il senso della domanda è più ampio, e va letto come “cosa è che ti fa scegliere quel vino”.

Io mi rendo conto, quando sto dall’altra parte, quella di chi il vino lo beve o lo compra, che ci sono due possibilità: o cerchi un vino con determinate caratteristiche o ascolti quello che ha da dirti il produttore.

 Io ho scelto la seconda strada, e vi garantisco sto facendo esperienza davvero interessanti, perchè grazie alla sapienza di alcuni mi sento più sereno nell’affrontare quel mondo così complesso che è il vino.

E poi, vuoi mettere: se hai qualche domanda molto meglio conoscere chi il vino lo ha fatto a cosa s’è ispirato….O no?

Perchè questo? Semplice, stavo parlando un attimo fa (da li mi è nata la domanda) con un responsabile vendite che mi diceva “la grafica e tutte le costruzioni? Non servono a vendere, la gente non compra per quello”. Affermazione che non confuto e vi propongo.

P.S.: ah, rispetto al mio precedente post vi dico io abbandonerei la logistica, perchè ho scoperto che ci sono persone più capaci di me a gestirla….

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: