Dimensioni delle botti di legno: le nostre sono piccole.

Negli ultimi tempi abbiamo lavorato davvero sodo, la vendemmia, anzi, le vendemmie, unite al lancio di fortidelvento, la nostra nuova avventura, ci stanno riempiendo ogni attimo. Non siamo nemmeno riusciti ad organizzare le foto della vendemmia, con estremo dispiacere, non lo nego, ma abbiamo preferito fare bene quello che è il nostro lavoro piuttosto che disperderci.

 Ecco perché anche la scarsa presenza online e di aggiornamento del blog…che ci accompagnerà ancora.

Nel frattempo fuori dalla rete stiamo incontrando sempre più appassionati ed operatori e non ho potuto non fare caso ai discorsi sul cambio di pensiero in cantina che ha visto direttamente interessati alcuni produttori, cito uno fra tutti per stima e conoscenza diretta, Gianpaolo. Il suo discorso è stato ripreso anche da blog importanti. Trovo interessante e anche non banale che un produttore lo comunichi, da un lato, e che si voglia capire dall’altro.

Ma non capisco francamente perché, da parte di chi il vino lo beve, ci debba essere così tanta attenzione verso una delle scelte di produzione come quella della dimensione della botte di legno e non verso la filosofia che ha portato a quello che si trova dentro la bottiglia. 

Non so, forse mi sbaglio ma la domanda “botte piccola o botte grande” mi viene fatta sempre con maggiore frequenza, poche voltè però ci chiedono “perchè lo avete fatto così”, in generale.

Se potessi scegliere piacerebbe sentirsi chiedere qual’è la filosofia che ha portato alla produzione di questo o quel vino, piuttosto che quale botte abbiamo usato, ma sono certo che prima o poi succederà, visto le scelte fuori dagli schemi che continuiamo a portare avanti.

Approfitto inoltre del blog per dire la nostra in materia botti di legno: noi usiamo botti piccole, in particolare tonneaux (500 litri) con tostature leggere, principalmente usati e talvolta rigenerati, trovandoli davvero interessanti per la loro plasticità. Per noi è quasi una scelta forzata se fai piccoli volumi provenienti da vigneti diversi e vuoi un minimo orientare l’evoluzione del vino, usando botti grandi senza volumi finiresti per avere le mani legate in invecchiamento con dei vini diversi da come li avresti voluti.

Spiegato il motivo, resta comunque fermo il nostro obiettivo di usare le botti di legno come ossigenatori naturali e non come aromatizzanti, quindi il risultato finale deve permettere all’assaggiatore di apprezzare l’evoluzione e i sentori tipici di quel vino con il plus che un buon invecchiamento in legno prima e in bottiglia poi riescono a conferirgli.  Con le botti piccole….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: